Danzare per-Donare. Danzare per Perdonare

La Danza e il Salto alleggeriscono la vita, curano le ferite emozionali e facilitano il perdono

Qualche giorno fa, danzando da sola e allenandomi, è nata in me una riflessione.

Sempre ricordo a me stessa perché quotidianamente scelgo di portare avanti questo mestiere, senza arrendermi alle difficoltà che, credetemi, sono tantissime in una società come questa, fatta di troppa apparenza, troppa mediaticità, troppa disconnessione fisica e mentale, troppe parole e poca vera comunic-azione. Ma vi eviterò qui le polemiche!

Ho sempre sentito in me che il mio danzare è sia un atto terapeutico-catartico di rielaborazione creativa del vissuto, sia un efficacissimo antistress e metodo di mantenimento in buona salute del Corpo-Mente. Danzare come Comunic-Azione e linguaggio che fa dialogare Corpo e Spirito per riconnettermi alla parte più autentica e pura di me, quella che sempre sorride e gioisce e attraversa con leggerezza e armonia le righe dello spartito che è l’esistenza. Quindi per me la Danza è sempre stata un dono meraviglioso ricevuto e che a mia volta voglio donare alle altre persone, insegnando loro come vivere al meglio e in movimento questa fantastica macchina corpo umano.

Però fino a qualche giorno fa non avevo realizzato che Danzare mi avrebbe aiutata anche a Perdonare!

Perdonare chi?

Anzitutto perdonare me stessa per tutte quelle “accuse” che mi sono rivolta così tante volte di fronte a blocchi o cadute.

La Danza mi ha fatto comprendere che ogni blocco o caduta sono solo temporanei e che sono solo pause del movimento, pause che in quel momento sono necessarie per capire dove si è e come si può andare avanti al meglio, pause in cui ri-raccogliere le forze per poi prendere un nuovo slancio e saltare ancora più in alto, fino a volare… Aaah, che sensazione di immenso piacere e di liberazione il salto!

Ogni giorno, ciascuno di noi, dovrebbe saltare almeno per 5 minuti.

Ora, fermati e dimmi… Da quanto tempo non salti come facevi da bambino?

Cosa aspetti allora?

Alzati e fai almeno 5 salti e… ridi!

Ridi di te stesso e di tutto quanto e ti sentirai più leggero e capace di affrontare al meglio anche le situazioni che adesso ti appaiono più pesanti.

Possiamo dunque dire che anche saltare aiuti a perdonare.

E poi fammi sapere come è andata con i salti e con il perdo.

Dance for a Joful Life! Dance for a Better World!

Melissa

LIBRI CONSIGLIATI SUL PERDONO

“I 7 passi del perdono. La scienza della felicità” – Daniel Lumera



“Il perdono assoluyo. Perdonare per crescere” – Colin C. Tipping


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *