Danzare per Vivere in Armonia

Perché io danzo per vivere in armonia e credo che possa funzionare anche per te

Il mio invito è rivolto a te che, se sei “atterrata” sul mio sito, stai cercando qualcosa di unico e speciale per ritornare a vivere al meglio la tua Essenza di Donna e se hai dei figli questo lo vuoi trasmettere anche a loro.
Perché prima si capisce che l’unico modo per vivere bene
è essere se stessi e meglio è!
Lo credi anche tu?!

Per me la Danza è sempre stata presente ed è sempre stata “il Presente”,
il “Qui ed Ora” che mi ha riconnessa con ciò che sento nel profondo.
Danzavo nel pancione di mia Madre, sono nata danzando con i piedini anziché con la testa e mia Mamma indossava un fiore tra i capelli ed una vestaglia a fiori quel 21 settembre. Quindi la mia via era predestinata…
Danzatrice tra i fiori!

Melissa, il mio nome, che significa “Ape” in greco, lo ha confermato.
L’Ape infatti danza volando tra i fiori e crea dolcezza con il suo nettare.
Punge solo se in pericolo ed è molto operosa.

Dunque ho scoperto fin da piccola che danzare per me era molto di più che un semplice passatempo. Danzare era sognare e creare storie e mondi fantastici dove la bontà vinceva sempre e la bellezza era regina assoluta.
Quei sogni e quella bellezza che, oggi che il mio “sogno” di ballerina si è avverato, trasmetto ai miei allievi piccini e grandi.

Danzare si è rivelato presto non solo un moto del mio cuor sorridente, ma anche una validissima via per elaborare i miei dolori, le malinconie, le tristezze, le delusioni, i cuori e i sogni infranti. Quando la mia Mente soffriva per le emozioni negative ecco che il Corpo ha sempre ricevuto lo stimolo dello Spirito a danzare e trasformare quelle emozioni distruttive.
La Danza è così diventata un modo per rivolgere le mie domande esistenziali all’Infinito Cosmico ed anche la mia Gratitudine.

Dopo la catarsi ecco che la Danza ritorna ad essere un gesto di gioia dello Spirito che si manifesta nella Vitalità del Corpo e nell’Armonia della Mente, riunendo ed equilibrando il tutto.

Nel mio percorso di Donna e Professionista del Benessere in Movimento si presentano spesso momenti non semplici, ma la forza di volontà e la disciplina coltivate con la Danza prima e lo Yoga poi mi sostengono sempre.

Capita anche a me di avere dei momenti bui in cui tutto appare confuso e, se decido di uscire dal pensiero “negativo” e danzarlo, ecco che la magia avviene sempre… E’ la Trasformazione che il Movimento mette in atto. Parte dal Corpo e pervade positivamente la Mente. In tal modo a vincere è lo Spirito Vitale!

La Magia non è non cadere mai, ma è risollevarsi e trasformare le cadute in trampolini di lancio per andare più lontano e realizzare ciò che desideriamo!

Su questo sito puoi trovare differenti percorsi per il tuo Benessere che comprendono vari tipi di Danza, Yoga ed Educazione Alimentare a Base Vegetale.

Scegli ciò che più fa per te e contattami per prenotare il tuo percorso di gruppo o individuale, per te e per i tuoi cari.


LA DANZA CHE TRASFORMA


Cos’è la DanzaMovimentoTerapia (DMT)
Gli incontri si rivolgono a: adulti, adolescenti, bambini, gruppi di sole donne, donne in gravidanza, genitori e bimbi, differentemente abili, anziani, carcerati.

La Danzaterapia è la ricerca dell’autenticità del gesto e del movimento che nascono dalle nostre emozioni profonde e che prendono forma attraverso l’atto creativo. E’ una tipologia di attività che può essere svolta da chiunque voglia intraprendere un percorso di scoperta di se stesso, tramite il linguaggio del Corpo

Non vi è una tecnica da imparare, ma si lavora sulla libera espressione delle proprie emozioni profonde attraverso il movimento, rispondendo agli stimoli e consegne dati dalla Danzaterapeuta.

La Danzaterapia o Danzamovimentoterapia è una modalità specifica di trattamento di una pluralità di manifestazioni della patologia psichica, somatica e relazionale, ma anche una suggestiva possibilità di positiva ricerca del benessere e di evoluzione personale.

Chi è che cosa fa la Danzaterapeuta
La Danzaterapeuta si pone sempre senza giudizio, è testimone di quel che accade e, lavorando sul riconoscimento dei bisogni dell’utenza, sviluppa attimo per attimo la capacità di modificare le proprie proposte di lavoro in base alle necessità del momento. La Danzaterapeuta è un tramite che favorisce l’emergere della parte sana di ciascun individuo e ne aiuta l’espressione.

Si denomina Danzamovimentoterapeuti (dmt) una classe di figure professionali operanti in campo clinico e/o socioeducativo, con funzioni di prevenzione, riabilitazione e terapia, per mezzo del linguaggio corporeo (danza e movimento) nelle sue valenze rappresentative, comunicative e simboliche.

Il/la dmt:

– Conosce il linguaggio corporeo, del movimento e della danza;
– Conosce il processo creativo e le sue implicazioni sul piano emotivo, psicologico e cognitivo, con riferimento a differenti modelli teorici;
– Agisce dette competenze con finalità preventive, riabilitative e terapeutiche nei confronti del disagio sensoriale, motorio, psicologico, relazionale e sociale collaborando con le altre figure professionali deputate al suo trattamento;
– E’ in grado di formulare piani di intervento differenziati a seconda dell’utenza coinvolta;
– Svolge la sua pratica in ambito pubblico e/o privato, nel rispetto della deontologia professionale.(dallo Statuto A.P.I.D.)

Danza e creatività per l’armonia di Corpo-Mente-Spirito
Al centro di ogni possibile evoluzione è il potenziale dell’essere umano nel suo insieme ed alla base di qualsiasi nostra trasformazione c’è il concetto che il risultato di ogni azione dipende dal nostro Essere e Interessere, entrare in contatto con esso, conoscerlo, a volte trasformarlo e poterlo condividere con l’altro.

La parte creativa va di pari passo al lavoro corporeo che porta ad acquisire una maggiore flessibilità, tonicità e leggerezza. Si sciolgono così le tensioni, si riattivano e rinforzano tutti i muscoli, si lavora sulla corretta postura, ritrovando l’armonia delle diverse parti e la gioia di un corpo di cui si è più consapevoli. Questa gioia ha il potere di irradiarsi in tutto l’essere.

L’utente ha così modo di prendere più contatto con se stesso e anche con l’altro, in una relazione di rispecchiamento, scoperta e cura.

Il metodo Danzaterapeutico utilizzato da Melissa

Gli incontri vengono sviluppati ispirandosi a:

  • La Danza nelle sue differenti forme, ClassicaModernaContemporaneaEtnica, per avere una base anche tecnica di supporto alla libera espressione corporea delle emozioni e dei vissuti;
  • Il Movimento Consapevole Creativo;
  • Il metodo danzaterapeutico fondato in Argentina da Maria Fux e negli USA da Anna Halprin;
  • La visione olistica dello Yoga e delle filosofie Orientali quali il Buddismo e lo Zen;
  • La dimensione realmente ecologica dell’uomo nello spazio Cielo/Terra, considerando l’interessere fra ogni Essere Vivente e quindi fra Uomo e Natura.

Fonte di ispirazione sarà la natura con i suoi elementi a partire dalla visione tibetana attraverso i simboli di Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Vuoto. Utilizzeremo differenti materiali che la natura stessa ci donerà seguendo il ciclo delle stagioni.
Il percorso avvicina alla conoscenza del corpo e delle sue possibilità motorie ed espressive in modo naturale, senza le forzature di una tecnica specifica: la danza viene presentata come una serie di possibilità di forme, direzioni, dinamiche, posizioni, tutte da esplorare attraverso un approccio giocoso, seppur profondo ed intenso. Vengono presentati spunti per creare i propri movimenti e ciascuno è quindi l’artefice della propria personalissima espressione nella danza, per liberare le piccole e grandi tensioni emotive, canalizzandole attraverso il movimento. All’interno degli incontri vengono proposti anche laboratori di Musicoterapia, Arteterapia.
In un ambiente protetto, ci riapproprieremo del contatto con noi stessi e con l’altro in una relazione di rispecchiamento, scoperta e cura, in questa società dove soprattutto in città tutti vanno di fretta,non c’è spazio e non c’è tempo per sé e per gli altri,sempre più spesso sia gli adulti che i bambini, manifestano piccoli o grandi disagi, oppure una maggiore richiesta di attenzioni nel “Qui ed Ora”.